Frutta e verdura italiane ad alta innovazione nel carrello

21.9.15 – L’Italia campione dell’ortofrutta all’estero nel primo semestre 2015 con 1 milione e 947 mila tonnellate di prodotti che finiscono sulle tavole nel mondo per un valore di 2 miliardi e 140 milioni di Euro. Ammonta invece a circa 1 milione e 873 mila tonnellate il bilancio dei prodotti importati, per un valore di 1 miliardo e 868 milioni di Euro.
Il saldo, registrato da L’Informatore Agrario, partner tecnico di Macfrut, su dati Frutimprese, è in crescita e segna +6% in quantità e 10,4% in valore per l’export e +6,1 e 21,3 per le importazioni. Il dato globale, di circa 272 milioni di Euro, confrontato con il primo semestre 2014, ha registrato tuttavia un calo del 31,6% per il forte incremento delle importazioni di agrumi, dovuto ad una scarsa produzione registrata in Italia, e per il rafforzamento del dollaro sull’Euro che ha avuto come conseguenza un incremento generalizzato del prezzo dei prodotti importati.
La qualità della nostra frutta e verdura fresca ha conquistato il mercato internazionale con un buon +14,3%. Se è vero che, guardando alle quantità, sono in calo i flussi di agrumi (-5,3%), di ortaggi (-0,7%) e di frutta secca (-3,1%) i dati a valore evidenziano invece buone performance in tutti i comparti frutta fresca (+6,8%), ortaggi (+15,3%), agrumi (+5,4%) e frutta secca (+20,1%). Per quanto riguarda le importazioni incremento in volume della frutta fresca (6,6%), degli ortaggi (2,4%) e degli agrumi (54,2%); in calo frutta secca (-6,3%) e frutta tropicale (-3,2%). In valore segno positivo per tutti i comparti con punte elevate per agrumi (59,4%) e frutta secca (40,3%).
Segno positivo anche i prodotti biologici nel nostro Paese in base al Rapporto Ismea Bio-Retail sul mercato al consumo nel 2014. Tra i comparti più dinamici, infatti, oltre ai derivati dei cereali (+19% nel 2014 e +28% nella prima metà del 2015), si evidenziano proprio gli ortaggi freschi e trasformati (rispettivamente +14% e +21,8%) che rientrano tra le preferenze degli italiani.

“In generale, per soddisfare una domanda all’estero crescente la ricerca sta puntando molto sull’innovazione per ottenere frutta e verdura sempre più in linea con le esigenze del mercato – spiega Antonio Boschetti, direttore de L’Informatore Agrario. In particolare albicocche e ciliegie, che assicurano una buona redditività e sono molto richieste, vedono oggi nuove varietà sempre più performanti, sia dal punto di vista estetico, organolettico e tecnologico per garantire maggiore tenuta della maturazione e una shelf life più lunga”. Non a caso hanno registrato già un elevato numero di preiscrizioni i workshop sulle novità varietali a Macfrut previsti il 23 settembre alle 13.45 e alle 15, incentrati proprio su ciliegio e albicocco.

IL PROGRAMMA DEI WORKSHOP A MACFRUT GIORNO PER GIORNO
Basta registrarsi, su www.ortofrutta.informatoreagrario.it o direttamente in fiera, per partecipare agli incontri gratuiti de L’Informatore Agrario con esperti del settore nella Sala Workshop del padiglione D5 di Rimini Fiere. Il panorama di tematiche è particolarmente ricco.
Mercoledì 23 settembre
ore 10 – I vantaggi delle moderne reti multifunzionali; ore 11.15 – Frutteto sostenibile: potatura e diradamento meccanico; ore 13.45 – Ciliegio: le novità varietali; ore 15 – Albicocco: le novità varietali.
Giovedì 24 settembre
ore 10 – Gestione delle resistenze ai fungicidi di pero e melo; ore 11.15 – Come difendere le coltivazioni di IV gamma; ore 12.30 – Biostimulantes en agricultura; ore 13.45 – Biostimolanti: nutrizione vegetale funzionale; ore 15 – Disinfestazione del terreno (contro nematodi e funghi): problemi e soluzioni.
Venerdì 25 settembre
ore 10 – Analisi dell’estratto acquoso per calibrare la fertirrigazione; ore 11.15 – Fertirrigazione: tecniche e prodotti innovativi; ore 13.45 – Tarature irroratrici per risparmiare e tutelare l’ambiente; ore 15 – Tutela della salute dell’operatore con i DPI.