[1/3] Albicocco: redditi interessanti – I costi di impianto

grafico 1

L’albicocco continua a offrire una buona marginalità a fronte di prezzi medi alla produzione compresi tra 0,64 e 1,23 euro/kg.

Al fine di proporre un quadro generale dei costi medi di produzione nei principali areali produttivi italiani si presentano 10 casi di studio, relativi ad alcune delle più diffuse varietà e riferiti a Piemonte, Emilia-Romagna, Campania e Basilicata.

I costi di impianto
I costi da sostenere per l’impianto del frutteto sono sostanzialmente in linea con quelli delle altre principali drupacee e variano sensibilmente in funzione della:

  • forma e densità di allevamento
  • presenza di royalty sulle piante
  • predisposizione di reti di copertura antigrandine

Per i casi analizzati, la spesa complessiva da sostenere nella fase di impianto e allevamento (quest’ultima considerata conclusa quando i ricavi dell’anno superano i costi del medesimo anno) è calcolabile in 18-19.000 euro/ha, per la forma tradizionale a vasetto con densità di 5-600 piante/ha, mentre può salire fino a quasi 37.000 euro/ha nel caso di impianti in parete  con densità di 750-800 piante/ha e dotazione di rete antigrandine (grafico 1).

L’entrata in piena produzione è considerata al 3°-4° anno, in funzione della forma di allevamento e della densità di impianto. In tutti i casi, il 15% circa del costo totale è rappresentato da oneri figurativi, dovuti all’apporto diretto  i lavoro e di capitali da parte dell’imprenditore. La quota media annua di ammortamento, calcolata sull’esborso monetario e sulla base di 13 anni di piena produzione per gli impianti delle regioni settentrionali e di 15 anni per quelli di Campania e Basilicata, ammonta pertanto a poco più di 1.200 euro/ha per impianti a vaso e a quasi 2.400 euro/ha per impianti a palmetta con rete antigrandine. A tali cifre vanno aggiunti, rispettivamente, 200 e 450  euro/ha circa di oneri figurativi.

Nei prossimi post verranno analizzati i costi medi annui di produzione e i prezzi e la redditività.

 

Estratto da:
Albicocco: interessanti redditi, ma attenzione al futuro
di: A. Palmieri
L’Informatore Agrario, n° 21/2016 pag. 41